CARAMELLE GO…MMMMMMMMH…OSE

Irresistiblimente gustose

Caramelle gommose HARIBO: travolgenti, colorate e irresistibilmente gustose!

In merito all’invenzione di dolcetti, all’uomo non sono mai mancate le idee. Ma per giungere all’invenzione delle prime caramelle gommose e, dunque, ai precursori degli orsetti gommosi, la strada è stata lunga e in questo percorso l’uomo non si è fatto mancare tante altre ghiottonerie. Gli antichi Greci e Romani facevano principalmente uso di pasticcini addolciti con succo di datteri o miele oppure imbevuti nel succo d’uva. Nel Medioevo si usavano panpepati con vari aromi. Nel XVI secolo, infine, i navigatori importarono i semi di cacao dall’America Centrale in Europa, un altro ingrediente che si dimostrò ben presto raffinato nella produzione di dolciumi.

La strada verso le caramelle gommose. Le cose buone richiedono tempo ma il gusto vale l’attesa!

La comparsa dello zucchero nelle liste di ingredienti europee fu ovviamente la pietra miliare nella storia dei dolci. Tuttavia, lo zucchero di canna importato alla fine del millennio dai territori arabi in Europa passando per Venezia rimase inizialmente un bene di lusso. Solo nobili e ricchi potevano permettersi di usare questo pregiato ingrediente a scopo dolcificante o medico.

Molto più tardi fasce più ampie della popolazione ebbero accesso al bene di lusso che era lo zucchero. In Germania iniziò solo all’inizio del XIX secolo la produzione di zucchero di barbabietola da poco sviluppata. A partire dalla metà del XIX secolo, lo zucchero (di barbabietola) divenne infine un alimento quotidiano e accessibile. Che lo zucchero fosse un ingrediente base per la produzione delle caramelle gommose e degli orsetti gommosi non si sapeva ancora a quell’epoca.

La scoperta dell’ingrediente più importante delle caramelle gommose

Nel XIX secolo degli ingegnosi pasticcieri scoprirono che lo zucchero si può unire alla gomma arabica, la resina di un determinato albero di acacia. La resina grezza veniva riscaldata con lo zucchero e, con l’aggiunta di sostanze fruttate e altri aromi, si ottennero le prime caramelle gommose morbide, i precursori dei celebri orsetti gommosi di HARIBO.

I componenti odierni delle caramelle gommose

HARIBO ha grandi pretese per i componenti di base dei suoi prodotti. Solo materie prime assolutamente perfette vengono utilizzate nei prodotti HARIBO.

I prodotti delle caramelle gommose sono composti da un misto di sciroppo di glucosio, zucchero e destrosio, oltre che da agenti gelificanti, come gelatina di cotenna di maiale o amido. Ad essa vengono aggiunti concentrati coloranti vegetali e alla frutta, aromi, amido e acido citrico.

HARIBO produce le caramelle gommose da oltre 90 anni e in questo lunga tradizione di produttori, ha potuto collezionare tante esperienze. L’impiego di vari agenti gelificanti (gelatina, amido, agar-agar, ecc.) garantisce una consistenza differente. Tanti fan di HARIBO apprezzano proprio la consistenza dei nostri prodotti contenenti gelatina, spesso da più generazioni, ed è per loro importante che questa caratteristica venga preservata. Tuttavia, HARIBO è consapevole che i prodotti con gelatina non soddisfano i desideri di tutti i consumatori. Per questo, ormai da diversi anni, HARIBO offre anche caramelle gommose prodotte con amido o agar-agar e dunque senza gelatina.

L’aspetto

Dalla fine degli anni ‘80, gli ORSETTI D’ORO e tanti altri prodotti HARIBO devono il loro aspetto ai concentrati vegetali e di frutta impiegati, come ribes nero, arancia, limone, sambuco, uva, frutto della passione, mango, kiwi, mela e altri...

Gli ingredienti degli altri prodotti HARIBO

I prodotti combinati HARIBO (es. VAMPIRE) vengono realizzati unendo zucchero, sciroppo di zucchero di canna, gelatina, glucosio, concentrati di frutta e vegetali e aromi insieme alla liquirizia.

Produzione delle caramelle gommose HARIBO: tradizione, qualità e amore per il dettaglio

Caramelle gommose: dal disegno a mano al prodotto finito

All’inizio di ogni caramella gommosa HARIBO c’è l’idea creativa di una o un designer di prodotto. E questo è innanzitutto un lavoro manuale: per ogni novità della gamma di prodotti HARIBO viene prima abbozzato uno schizzo a mano su carta.

Produzione con computer e fresa

Il disegno a mano viene poi scansionato al computer e trasformato in un preciso modello tridimensionale. I dati di questo modello vengono infine trasmessi per la successiva produzione ad una fresa ad alta tecnologia, con cui viene fresata in uno stampo in gesso la nuova forma delle caramelle gommose. Dal prototipo ora disponibile viene infine prodotta una forma riutilizzabile, con cui si possono realizzare una quantità a piacere di stampi in gesso.

Cassette per polvere e stampi in gesso

Su un nastro di trasporto vengono introdotte delle cassette piane, riempite fino all’orlo di polvere di amido raffinata e lisciata. Nelle cassette piene di polvere vengono poi impressi dall’alto centinaia di stampi in gesso. Nella polvere di amido restano quindi le impronte incavate.

Lo stampo negativo procede sulla catena di montaggio verso la successiva stazione di produzione, dove la miscela di caramella gommosa fluida e riscaldata viene versata in frazioni di secondo negli stampi negativi con degli iniettori. Ed ecco come diverse centinaia di nuove caramelle gommose vedono la luce!

L'ultimo „make-up“

Dopo un processo di essiccazione relativamente lungo in appositi ambienti, le caramelle gommose ricevono infine un ulteriore rivestimento in cera d’api e di carnauba, che dona loro un aspetto lucente e impedisce che si attacchino l’una con l’altra.

Ora le caramelle gommose sono pronte ad essere pesate e imbustate per giungere ai clienti di tutto il mondo.

Prodotti di estrusione

Costituiscono un’eccezione i cosiddetti prodotti di estrusione. Questi prodotti di caramella gommosa vengono fabbricati sotto una pressione e una temperatura elevate nelle cosiddette mattoniere ad elica (estrusori). I prodotti di estrusione vengono offerti spesso in forma candita.

HARIBO è la bontà che si gusta ad ogni età!